NAMIBIA LA TERRA DEI DESERTI

NAMIBIA
LA TERRA DEI DESERTI

Tutto nella sua essenza è straordinario e la luce è la grande protagonista

Quando nel 1921 il geologo Reinhard Maack scoprì, su uno dei fianchi rocciosi dell’altopiano del Damaraland, un’impressionante successione di incisioni rupestri, non poteva sapere che questo luogo avrebbe trovato un nome solo dopo la seconda guerra mondiale.
Fu un fattore di origine sudafricana, David Levin, che per primo decise di stabilrvi il ranch chiamandolo Twyfelfontein, in lingua afrikaan “sorgente incerta”, che attualmente è non solo uno dei più straordinari siti di incisioni rupestri dell’Africa australe, ma emblema della bellezza selvaggia di tutta la Namibia.

twyfelfonteinUn Paese grande tre volte l’Italia e con soli due milioni di abitanti, in cui i paesaggi scivolano uno sull’altro: dalle montagne a cima piatta del Damaraland, alla savana del Kalahari, passando per la scarpata dell’altipiano centrale e l’immenso deserto del Namib, un viaggio in Namibia la terra dei deserti, compone un atollo costellato da decine di isole geologiche, faunistiche e climatiche.

namibia namibCollegate tra loro da strade sterrate che sono cresciute come un rampicante lungo il Paese, mettendo in contatto popoli divisi da secoli di rivalità, regioni abitate da animali rarissimi, e persino fasce costiere in cui è proibito l’accesso, consegnate alla sola raccolta dei diamanti. La Namibia è rimasta un protettorato del Sud Africa fino al 1991 proprio a causa dei diamanti che oggi, insieme all’uranio, contribuiscono a fare dell’estrazione la prima voce dell’economia.

deserto namibianoTra falesie erose dal vento e canyon profondissimi,  in Namibia la terra dei deserti, si alternano gole dal fondo verdissimo e creste di dolerite nera e spigolosa. E dove non c’è roccia, ci sono la sabbia e l’oceano a rendere inospitale e sublime questa terra.

La Skeleton Coast è come una mappa aperta su centinaia di relitti, causati dalla fitta nebbia e dalla furia dell’oceano: ha qualcosa di spettrale e segna un quasi totale abbandono della civiltà. Oltre, solo colonie di otarie, elefanti del deserto, immensi parchi, di cui l’Etosha ne è il gioiello, e villaggi himba – l’unica popolazione immune al progresso, le cui donne continuano a spalmarsi la pelle di ocra e grasso animale, e che vivono in piccoli e isolati villaggi.

himba    Himba-Namibia

Eppure le città in Namibia “la terra dei deserti” ci sono e non fanno da mera cornice: come la graziosa Swakopmund, costruita alle soglie del Novecento chiamata la piccola Baviera del deserto.

Tra il faro e le case dai tetti appuntiti Swakopmund, oggi, oltre a essere il salotto di un mondo postcoloniale sospeso tra memoria e rinnovamento, è la rampa di lancio verso le meraviglie dell’Atlantico e quelle del deserto. La ricchezza di plancton ha reso questa porzione di oceano un gigantesco forziere stracolmo di ostriche e frequentato dalle otarie, che a Cape Cross sembrano un tableau vivant ritagliato dal polo sud e appiccicato sul bordo del deserto.

SwakopmundAppena poco più indietro, nel Namib, l’inversione termica ha immobilizzato un deserto che con i suoi 80 milioni di anni è considerato il più antico del pianeta. Nel Namib la verità del deserto coincide con l’esperienza del deserto: la luce tenue dell’alba che sembra riversarsi nei riflessi violacei del manganese e in quelli arancio nati del quarzo, il tonfo netto della sabbia che cede sotto il piede, l’ascesa paziente verso il Big Daddy,  la duna più alta del mondo, con i suoi 318 metri, il caldo avvolgente, la discesa a capofitto, il ristoro all’ombra di una acacia.

Una iniziaziobig daddyne ancestrale che qui, più che altrove, ci ricorda che l’uomo è un essere infinito, ma di passaggio: esposto alla temporalità, mobile come le creste di queste dune e sempre alla ricerca di storie.

Il silenzio diventa libero, nel deserto del Namib, perché puoi sentirlo parlare di te: da dove veniamo, cosa siamo, cosa avremmo potuto essere e soprattutto, sotto questa luce definitiva, ciò che non siamo più.

NAMIBIA LA TERRADEI DESERTI : scopri le date di partenza dei tour by Kel 12

NAMIBIA LA TERRA DEI DESERTI

Sono disponibili anche Fly&Drive e/o Tour con guida su base individuale

SE VUOI PROGRAMMARE LA TUA VACANZA IN NAMIBIA CONTATTACI:

Contatti

NAMIBIA SCOPRI LA SCHEDA DEL PAESE :

http://www.viaggiaresicuri.it/home.html